Danni da vaccino: sì indennizzo sebbene solo”incentivato”ma non imposto

STUDIO LEGALE GAUDIELLO
TEL: 0824 29914
CELL: 393 9271233
EMAIL: INFO@STUDIOLEGALEGAUDIELLO.IT

Danni da vaccino, indennizzo anche per la dose "incentivata" ma non obbligatoria

La Cassazione, sentenza n. 7354 , giudicando su di un caso di "lupus eritematoso sistemico" a seguito della vaccinazione "anti epatite A", ha definitivamente respinto il ricorso della Salute a seguito della decisione della Consulta 118/2020

 

La Corte di Cassazione dice sì all'indennizzo per i danni da vaccino anche se il siero non è imposto ma semplicemente raccomandato dalla Stato o dalle Regioni; infatti, con la sentenza n. 7354 depositata preso atto della pronuncia della Corte costituzionale n. 118/2020 (a cui era stata rimessa la questione), ha infatti definitivamente riconosciuto il beneficio economico, previsto dall'articolo 1 della legge 210/1992, a favore di un soggetto che aveva contratto il "lupus eritematoso sistemico" a seguito della vaccinazione "anti epatite A".

Il giudice di primo grado aveva ravvisato il nesso di causalità ma nulla aveva statuito sulla possibilità di riconoscere l'indennizzo in presenza di vaccinazioni non obbligatorie. La Corte di appello (in sede di rinvio), invece, dopo aver sottolineato che la vaccinazione era stata fortemente incentivata dalla Regione, ha affermato che non poteva farsi alcuna differenza tra l'iniezione "imposta" e quella "raccomandata," e dunque al ricorrente spettava l'indennizzo.

Proposto ricorso da parte del Ministero della Salute, la Cassazione ha rinviato alla Corte costituzionale la legittimità della mancata previsione dell'indennizzo per i vaccini non obbligatori. E la Consulta (n. 118/2020) ha dichiarato l'illegittimità dell'art 1, co. 1, della legge n. 210/1992 "nella parte in cui non prevede il diritto ad un indennizzo a favore di chiunque abbia riportato lesioni o infermità da cui sia derivata una menomazione permanente all'integrità psico-fisica, a causa della vaccinazione contro il contagio da virus dell'epatite A".

Per la Sezione lavoro dunque "ogni questione sul punto appare superata a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale n 118/2020". Mentre riguardo alla sussistenza del nesso causale tra la malattia denunciata dalla ricorrente e la vaccinazione è sufficiente quanto già affermato da questa Corte con la sentenza n, 19365/2015 che aveva già dato atto dell'avvenuto accertamento da parte del Tribunale, tramite CTU, del nesso di causalità, e che tale questione non era più esaminabile nel giudizio d'appello, non essendo stata devoluta con l'atto di gravame. È stato così definitivamente respinto il ricorso del Ministero della Salute.


Lo Studio Legale Gaudiello è a vostra completa disposizione, chiunque può rivolgersi per qualsiasi dubbio, chiarimento e problema legale, contando su un’assistenza tempestiva gratuita e altamente professionale.
Raccontaci la tua storia attraverso il sito o Contattaci per un parere: info@studiolegalegaudiello.it .
Qualora necessiti di una assistenza legale potrai richiedere (anche online) un preventivo di spesa gratuito e non impegnativo


torna su

Richiesta appuntamento

scrivici o contattaci telefonicamente per fissare un appuntamento presso lo studio legale